Come mettere limiti sui bambini

Come mettere limiti sui bambini

Oggi vi è una certa confusione tra i genitori per quanto riguarda l'autorità che esercitano sui loro figli. Tre generazioni qui, vi è un cambiamento radicale e significativo nella posizione dei genitori la sistemazione di limiti e regole disciplinare sulla loro bambini. Da un lato per il 40 e 50, come educare i propri figli hanno seguito una direzione verticale, in cui i genitori esercitavano la loro autorità su giù senza ulteriori richieste. La prossima generazione, dalla fine degli anni '60, disturbato da l'autoritarismo, per prendere il posto dei genitori agito all'altra estremità, optando per più permissivismo.

La mancanza di limiti ha conseguenze negative per il bambino e il suo sviluppo dopo che il bambino che non accetta le regole, è quello di giocare una partita, per guidare il bus, a comportarsi a scuola, hanno difficoltà ad andare d'accordo con gli altri.

I limiti di aiutare il bambino a tollerare la frustrazione e ritardare la sua soddisfazione. Deve imparare ad aspettare il loro turno, per capire che ci sono altri e avete bisogno di condividere. La mancanza di confini può portare a disorientamento, la mancanza di senso di altri, e rispetto al reato in alcuni casi estremi.

Porre limiti non significa essere prepotente, ma hanno l'autorità. Ponendo limiti genitori insegnare ai bambini a rispettare se stessi e rispettare gli altri. Dire "no" ad un bambino, e il suo insegnano che lei può anche dire di no quando qualcuno vuole imporre atteggiamenti o comportamenti. Nella misura in cui i genitori notano i bisogni del bambino, identificarli e sottolineare, può anche identificare le proprie esigenze.

Porre limiti non significa privare della libertà. Quanto prima i genitori mettono limiti affettiva e sicuro scopi meno problemi saranno in pubertà e l'adolescenza, una fase in cui i bambini rivolta contro le accuse irragionevoli e trasgredire ciò che è insopportabile.

E 'importante per i genitori al dialogo con i propri figli e spiegare quali scopi i limiti. Se anche così i bambini non obbediscono, a volte è necessario mettere le sanzioni in modo che i bambini di assumersi la responsabilità per le azioni e le loro decisioni.

Il lavoro non dire, invece, parte dalla nascita. L'importanza del "no" e la determinazione dei limiti organizza fattore nella formazione di ogni personalità umana. Da circa un anno di età per il bambino deve imparare a sentire la parola "no" ei genitori di pronunciarlo.

I bambini trascorrono la "fase di negatività", in cui il bambino parla quasi compulsivamente la parola "no", mettendo alla prova la loro forza di fronte alle autorità degli adulti, genitore. Con questo comportamento i bambini stanno vivendo fin dove possono arrivare e fino a che punto i genitori lasciar andare.

I bambini hanno bisogno di regole chiare, oggettive e coerenti posizionati in modo sicuro e in tempo. Impostazione dei limiti non è facile, ma è più difficile per tenerli. Devono affrontare il pianto, brontolando, esperneio e la sensazione causata dal bambino che i genitori sono "cattivo" e gli ingiusti è difficile da tollerare. E 'essenziale sapere quali sono le capacità mentali dei bambini in ogni fascia di età. Ad esempio, prima di 4 o 5 anni è quasi impossibile aspettarsi un bambino a capire e accettare le regole di un gioco. Si farà vuole giocare e vincere ogni volta. Costringendola ad accettare le regole prima del tempo limite sarebbe assurdo. Tuttavia, dopo 6 anni, il bambino avrà acquisito la capacità di accettare le regole e il tempo di amici.


Quando un bambino è giovane, lei non sa ciò che li rende bene e cosa è male alla salute; sono i genitori e gli insegnanti che hanno bisogno di andare lentamente insegnando loro questi valori, la fissazione di limiti, dire "no", in modo che possa imparare da solo e diventare autonomi, conoscere il proprio corpo.Também, in modo che i bambini a capire l'importanza limiti è fondamentale che i genitori siano coerenti, facendo o non riuscire a fare ciò che è stato proibito fare per i bambini.

Maria Cristina Capobianco è uno psicologo e autore di "Il corpo off" (Ed. Libertà).
2

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Personaggi rimasti: 3000
captcha

Aggiungi Articolo

title
text
Personaggi rimasti: 5000