Il mio bambino va all'asilo. E adesso?

Il mio bambino va all'asilo. E adesso?

Dopo aver trascorso un paio di mesi grudadinha con il bambino, è il momento di vidavoltar alla normalità. La madre ha bisogno di riprendere il lavoro di routine e definire dove lasciare il bambino durante il giorno.

È allora che inizia a cercare un asilo nido. "In questo momento i dubbi più frequenti dei genitori hanno scelto un luogo sicuro di prendersi cura del bambino, favorendo il loro sviluppo e soddisfare tutte le loro esigenze", dice lo psicologo Andrea Rapopot, autore di "bambini adattamento a Daycare" .

Nei primi giorni che compongono la fase di adattamento, il bambino può piangere. Tra i motivi sono il fatto che egli non voleva stare da solo e la propria madre aveva paura della nuova fase e trascorrere l'insicurezza per il bambino. "Il bambino piange anche per conto sconosciuto perché deve affrontare molte nuove situazioni: l'ambiente, le persone che si prendono cura di esso, il cibo, gli altri bambini, come essere attenti e di partenza della madre, che è il suo porto sicuro ", dice Andrea.

Lo psicologo dice che il tempo di adattamento del bambino è molto variabile. Ci sono trucchi per minimizzare questo processo, ma è importante sottolineare che il processo deve essere fatto correttamente. "Il bambino ha bisogno di ricevere sufficiente attenzione e cura in questo momento per farvi sentire accolta e protetta, e formano legami con le persone che sono collegati ad esso nel vivaio."

Senza contare che ci sono bambini che non piangono al momento di entrare nella scuola materna, ma quando la madre li otterrà. "Questa è una reazione comune che indica che il bambino è affetto da assenza della madre. Come si sente 'abbandonato', inconsciamente cerca di punire il adulto con questa reazione di evitamento, l'indifferenza o piangere", dice Andrea. "Nonostante la forte consiglio di una madre sentire se punito per il bambino, questo atteggiamento è normale e tende a spostare l'adattamento è fatto bene e la cura di giorno è di buona qualità," dice.


La fase di adattamento comporta atteggiamenti come verrà mostrato presenza familiare nel vivaio nei primi giorni e orario ridotto. fiducia atteggiamenti di parlare e di prendere il bambino al sito sono anche essenziali. "Ogni cura di giorno, senza eccezioni, deve eseguire un processo di adattamento. Non possiamo permettere che il bambino entrare in questo spazio senza passare attraverso di essa. L'assenza di questo periodo o la cattiva gestione di esso può influenzare in modo permanente il rapporto del bambino con l'ambiente scolastico anche scuotendo la fiducia dei genitori ", dice Andrea. E ci assicura: "I genitori non solo il bambino sta adattando ed educatori passano anche attraverso questo processo.".

7

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Personaggi rimasti: 3000
captcha

Aggiungi Articolo

title
text
Personaggi rimasti: 5000