William Shakespeare per i bambini

William Shakespeare per i bambini

Più di volontà, Angelo Brandini ha il dono di portare gioia! Membro dei Dottori della gioia dal 1994, il gruppo che oggi è nazionale Establishment coordinatore, Angelo è diventato un autore e regista di pezzi infantili giovanile premiato come "Othelito" (Premio APCA, 2007 Miglior testo adattato, Best Play del Festival Culture inglese 2007 Miglior Testo adattato da premio FEMSA, 2007) e "Fool del re" (premio della regia FEMSA 2010), due pezzi adattati dal classico shakespeariano "Otello" e "re Lear".

Non solo che il successo dei suoi due adattamenti, Brandini azzardò un po 'di più nella letteratura Gregoriana di Shakespeare e adattato "Amleto". Soprannominato "il principe di Danimarca", il gioco di nuovo tutta l'essenza di "Amleto" in un modo divertente e con un tocco di clown! Questo perché la storia è coperto da clown, e gran parte del cast è composto da membri dei Dottori di gioia.

"La sfida più grande è mantenere l'essenza e allo stesso tempo rendere appetibile per i bambini. La stessa mossa era avere a muoversi nella storia del tempo, nel caso di ore di Amleto quattro e per bambini deve essere al massimo di un'ora. è solo il modo di raccontare che cambia. in questa versione, il principe ha vinto un pizzico di commedia, ha il lato clown ", spiega Angelo Brandini.

Così è facile per attirare i bambini e delizia i grandi ragazzi! "Io dico sempre le storie adattati come un clown", dice il regista, rivelando il segreto del successo del pezzo che inizia con la morte, ma anche per giocare. La storia si impegna quando due becchini in una notte buia sono i teschi della frazione di personaggi e decidono di rappresentare il classico di Shakespeare.

 "Il principe di Danimarca". Foto John Caldas / Disclosure "Il principe di Danimarca". Foto John Caldas / Disclosure "Il principe di Danimarca". Foto John Caldas / Handout 1 2 3

Si può anche iniziare con la notte scura, con becchini e personaggi morti, ma il regista dice che va bene per mostrarlo ai ragazzi. "Questo è il modo in cui la storia è raccontata. La morte dipende da come lo si dice, si presenta come qualcosa di terribile diventa terribile, realizzato in un modo diverso può essere divertente ... Se dici una maniera pesante, bambino avrà paura, altrimenti si sentirà bene con esso ", dice Angelo. E assicura: "La storia è stato affrontato in modo molto leggero."

8

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Personaggi rimasti: 3000
captcha

Aggiungi Articolo

title
text
Personaggi rimasti: 5000